IN PRIMO PIANO

Monaco e Salute, un Fitness Tour della città

E’ la prima volta che capiti su Viaggio Vero ? Iscriviti tramite il box azzurro che trovi sul lato destro del blog e scarica gli E-book, le Video-Recensioni, le Interviste… insomma TUTTE le risorse GRATIS che abbiamo creato finora. E se vuoi ricevere le migliori OFFERTE di VIAGGIO selezionate per te clicca qui e segui […]

, , ,


Foto di maxi_pienzenauer

Se, dopo un vagabondaggio serale per birrerie, la mattina dopo avverti un ronzio alla testa, se il Föhn ti fa impazzire o il brutto tempo ti abbatte il morale, allora non c’è niente di meglio di un fitness tour!

Monaco pullula di impianti sportivi e di centri benessere, ma l’itinerario che sto per proporti, ispirato alla guida turistica specializzata su Monaco della DUMONTdirekt, disponibile solo in lingua tedesca, è molto più che un percorso salute… è un vero e proprio giro turistico degli angoli meno noti, ma non meno importanti, della città…ma con una particolare attenzione alla salute ed al benessere.

Pronto a partire?
***

1. Tappa: all’aria aperta nel verde
.

Il punto di partenza è Max-Weber-Platz, comoda da raggiungere con tutti i mezzi pubblici.

Bastano due passi per raggiungere i Maximiliansanlagen, un sistema di parchi e giardini tra i quartieri di Haidausen e Bogenhausen.

Si supera, sulla sinistra, l’imponente edificio del Maximilianeum, l’attuale sede del Parlamento Bavarese, splendido esempio di architettura, costruito tra il 1857 ed il 1874 sulla sponda destra del fiume Isar.

Da qui si può iniziare una salutare passeggiata sulla Meillerweg, che, svoltando a sinistra prima del Maximilianbrücke, conduce nel parco.

Sotto agli imponenti vecchi alberi, il percorso conduce lungo la sponda alta dell’Isar.

Lì non si sente nient’altro che il mormorare dell’acqua del fiume: nessun rumore della grande città che ti possa stressare.

Se non si vedessero sull’altra sponda l’isola Praterinsel, con gli atelier dei pittori ed il museo alpino, e l’imponente St. Lukas-Kirche con la sua cupola rinascimentale, si potrebbe quasi pensare di stare passeggiando da qualche parte nelle prealpi.

Dopo 10-15 minuti di cammino dovrebbe emergere nel tuo campo visivo la torre color ocra della vecchia centrale elettrica Muffat.

La fabbrica dismessa è stata ristrutturata qualche anno fa e trasformata nel più bel salone per feste e balli della città.

Lì si trova anche un bellissimo Biergarten, che però ti curerai di evitare per bene, dato che questa è una giornata dedicata alla salute, vero?

Poco più avanti appare a sinistra, attraverso le frasche, il centro culturale Am Gasteig, il covo della vita spirituale e il luogo dove suona l’orchestra filarmonica di Monaco.

Ti trovi ora in Rosenheimer Strasse.

Il centro culturale è di un monumento in mattoni imponente e austero.

***

2.Tappa: Metti il turbo alla circolazione

In contrapposizione alla serietà del centro culturale, il Müllersches Volksbad, con la sua architettura in stile liberty, appare solare e amichevole.


Foto di PatHey

Nelle due piscine e nel bagno di vapore romano-irlandese del Volksbad, tutto decorato meravigliosamente con stucchi e marmi, potrai rimettere veramente in moto la tua circolazione, inclusi massaggi fatti a regola d’arte dal personale specializzato.

Gli interni del Volksbad, già da soli, sono una benedizione per i sensi: questo ambiente lussuoso e leggermente decadente, fa bene al corpo e all’anima.

Si tratta di vedere un vero e proprio monumento storico di Monaco, mentre ci si rilassa.

Non a caso, quando è stata inaugurata, cioè nel 1901, era la più grande e costosa piscina del mondo!

Ma il rinvigorimento del corpo fa venire sete e… no, ancora una volta non sto parlando di birra, ma di qualcosa di più sano.

Perciò dimentichiamo anche il simpatico cafè nel Müllersches Volksbad e andiamo alla prossima tappa.

***

3.Tappa: Salutari succhi di frutta

Piacevolmente rilassato/a, ora puoi dirigerti in direzione del Viktualienmarkt.

Attraversando il fiume e la Museuminsel, l’isola che ospita l’immenso Deutsches Museum, si giunge ad Isartor.

Se però non si vuole camminare, si può prendere il Tram 18.

Da lì basta fare due passi per raggiungere il negozio di leccornie “Delikatessenladen Sama-Sama” in Westenriedstrasse 21, il quale, tra diversi prodotti per salutisti, offre una bevanda fantastica: il succo di ananas e mela con zenzero o aloe vera ( 4,50 € per 0,2 l).

Se non apprezzi questi succhi biologici, qualche passo più in là puoi trovare qualcosa di tuo gradimento.

In più di sei stand al Viktualienmarkt trovi un grandissimo assortimento di succhi di frutta e verdura, naturalmente tutti appena spremuti.

***

4. Tappa: Banchettare in modo consapevole

Mangiare piatti deliziosi senza rovinarsi la salute, si può?

Certamente, basta scegliere uno dei tanti ristoranti vegetariani della città, nei quali non troverai affatto difficile rinunciare al solito arrosto con patate, per qualcosa di più leggero ma gustoso.

–> 7 ristoranti vegetariani a Monaco di Baviera

Il più vicino è il “Prinz Myshkin”, uno dei migliori nel suo genere.

Molto vicino a Marienplatz, è un locale luminoso e piacevole, con una vasta scelta di ricette vegetariane provenienti da tutto il mondo e molto gustose, tra cui il “Tofu Stroganoff” (16,10 €) e le “Tagliatelle Amanda” (9,90€).

Dopo la cena si può bere un espresso nel vicino negozio della Segafredo, in via Rosental 1, ed iniziare a fare piani per la serata…

Puoi chiedere altri consigli su:

=> Viva la Germania

A presto, un abbraccio.

Articolo di
Elena Baldi

Questi altri articoli possono interessarti?

I sotterranei di Praga
Hai mai pensato di andar per grotte a Praga? Potrebbe essere un'idea viste le numerose possibilità di visita che offrono...
4 Cimiteri di Parigi che devi visitare
I cimiteri di Parigi sono luoghi in cui il silenzio e il rispetto sono regola, fuori dalla confusione dei centri cittadini, puoi tirare le fila del tuo viaggio, camminare e porgere omaggio sia ad emer...
Botswana, prime informazioni su cosa vedere e qualche sensazione
Il Botswana, l’approdo all’Africa Barocca. Qui è tutto abbondante e generoso. La sensazione è che la Natura, non solo sia racchiusa in una sola pagina ma che quest’ultima non trovi spazio per stenders...
Creta, riassunto del Mediterraneo
Oggi ho voglia di ritornare con la memoria a Chania, l’antica Chidonia, la veneziana La Canea. I nomi di una città a volte sono come le sue vesti, diventano veli da scoprire, ognuno con una storia che...