IN PRIMO PIANO

Torre di Pisa, la principale ma non unica attrazione di Piazza dei Miracoli

E’ la prima volta che capiti su Viaggio Vero ? Iscriviti tramite il box azzurro che trovi sul lato destro del blog e scarica gli E-book, le Video-Recensioni, le Interviste… insomma TUTTE le risorse GRATIS che abbiamo creato finora. E se vuoi ricevere le migliori OFFERTE di VIAGGIO selezionate per te clicca qui e segui […]

, , ,


Foto di wenzday01

La Piazza del Duomo di Pisa è conosciuta da tutti principalmente come Piazza (o Campo) dei Miracoli, ed è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1987.

E’ possibile ammirare in questa piazza alcuni capolavori dell’architettura romanica europea e sono:

la cattedrale,
il battistero,
il camposanto,
il campanile.

La piazza è ornata da un bel prato verde molto curato che le conferisce un’atmosfera magica, inoltre è un’isola pedonale e si può vivere in tutta tranquillità e pulizia dell’aria.

Il campanile del Duomo è la cosiddetta Torre di Pisa, di sicuro la più famosa torre pendente del mondo, oltre ad essere un monumento conosciuto universalmente.
Fu iniziata nel 1173, e iniziò ad inclinarsi su di un lato ancor prima che che fosse completato il terzo ordine (1274), a causa del sottosuolo di limo sabbioso sul quale si poggiano le fondazioni che sono profonde solo tre metri, forse troppo poco per una torre di oltre 56 metri.

La costruzione fu completata comunque nel 1350, e nella cella campanaria furono sistemate sette campane, infatti come detto, la torre è il campanile della cattedrale.

Sei degli otto piani sono circondati da una loggetta con archi a tutto sesto, che riprendono il motivo della facciata della cattedrale.

L’altezza della torre, dicevo, è di circa 56 metri, e ha una pendenza di circa cinque metri rispetto alla verticale nel punto più alto.

Verso la fine del XX secolo l’inclinazione era diventata pericolosa e si è reso necessario un intervento di consolidamento.

Durante i lavori, iniziati nel 1990 e terminati alla fine del 2001, la pendenza della torre è stata ridotta riportandola a quella che presumibilmente doveva avere 200 anni prima.

La base è stata inoltre consolidata e secondo gli esperti questo consentirà di mantenere in sicurezza la torre per almeno altri tre secoli, permettendo così l’accesso ai visitatori che ora la possono ammirare in numero limitato e controllato.

E’ necessario prenotarsi in anticipo per salire sulla torre e rispettare l’orario assegnato per la visita.

***

Anche gli altri bianchi monumenti della piazza meritano una visita e sono degni della più famosa torre.

Il Duomo di Santa Maria Assunta, che dà il nome ufficiale alla Piazza (anche se tutti la conoscono come Piazza dei Miracoli, nome coniato da Gabriele d’Annunzio), è la cattedrale medievale di Pisa ed è chiesa Primaziale, vuol dire che il suo vescovo è anche Primate, cioè arcivescovo di una diocesi importante.

E’ costruita in stile romanico pisano, con pianta a croce latina a cinque navate con abside e transetto a tre navate.

All’interno l’effetto spaziale ricorda quello delle moschee islamiche, con utilizzo di archi a sesto acuto e una cupola ellittica ad effetto nell’incrocio dei bracci.

Lo stile è lo stesso della più famosa torre.

Sull’abside è realizzato un grande e vistoso mosaico che rappresenta Cristo affiancato dalla Vergine e da San Giovanni Evangelista completato da Cimabue nel 1302 e che sopravvisse miracolosamente all’incendio del 1595.

***

Il Battistero si trova di fronte al Duomo ed è dedicato a San Giovanni Battista ha una cupola a forma di tronco di cono che copre solo il giro interno di pilastri.

Il suo aspetto interno è molto affidato ai simboli, infatti presenta:

– 12 colonne come il numero degli apostoli;
– una fonte battesimale a 8 lati, numero che indica il giorno non creato, posta su 3 scalini, a simbolo del Padre del Figlio e dello Spirito Santo.

È il più grande battistero in Italia: la sua circonferenza misura 107,25 m.

***

Completa i monumenti di questa magnifica piazza il Camposanto Monumentale, si tratta essenzialmente di un cimitero cinto da mura.

Ha la forma di un chiostro quadrangolare che, con la sua facciata marmorea, conclude a Nord la Piazza dei Miracoli, concepito per la sepoltura dei morti come pure per l’ammaestramento dei vivi, invitati a riflettere sulla vita terrena ed eterna dal grandioso ciclo di affreschi, del quale si conservano in questo Museo i disegni preparatori, le ‘sinopie’.

La Piazza del Duomo è chiusa a nord e ovest dalle mura medievali con la Torre di Santa Maria, la Porta del Leone, la Torre di Catallo e Porta Nuova, mentre il lato sud è occupato dalla lunga struttura dell’antico Spedale di Santa Chiara, che oggi ospita tra l’altro il Museo delle sinopie; accanto al campanile si trova il Museo dell’Opera del Duomo.

Per una visita alla piazza e alla Torre sotto una luce inedita, puoi approfittare dell’apertura serale da giugno a settembre.

Le aperture serali hanno avuto inizio il 17 giugno, in concomitanza con la festa del patrono, San Ranieri e saranno garantite sette giorni su sette dalle ore 20.00 alle ore 23.00, ultimo ingresso consentito per la torre alle ore 22.30.

Per prenotare la tua visita direttamente on-line:

=> Boxffice Torre di Pisa

Articolo di
Alessia Scarparo

Questi altri articoli possono interessarti?

Utrecht tra canali e negozi - Cosa fare e vedere
Visitare Utrecht? ecco una serie di cose che non puoi perderti e devi assolutamente mettere nella tua lista.
Lisbona, a spasso per Belém visitando il Monastero dos Jerónimos e mangiando Pasteis de Belém
A pochi minuti di tram da Lisbona puoi raggiungere Belém, affacciata sul fiume Tago e ricolma di tesori, sia architettonici, come il Monastero dos Jerónimos e la Torre di Belém, sia culinari, come i m...
Relax a 5 stelle: i Bagni di Pisa
I Bagni di Pisa sono una struttura termale toscana a San Giuliano Terme. Un'antica villa, restaurata che oggi ospita oltre alla spa anche un albergo. Un'idea prima di rituffarsi nel ritmo lavorativo p...
La Valle del Diavolo nasconde un segreto sotto la superficie
Si chiama Valle del Diavolo, e si trova nell’alta Val di Cecina, perché dalle fessure del terreno tra le colline toscane, si vedono uscire qua e là colonne di vapore bianco tanto che sembra di stare a...