IN PRIMO PIANO

Pad Thai, Piatto Nazionale Tailandese per volere del Re

E’ la prima volta che capiti su Viaggio Vero ? Iscriviti tramite il box azzurro che trovi sul lato destro del blog e scarica gli E-book, le Video-Recensioni, le Interviste… insomma TUTTE le risorse GRATIS che abbiamo creato finora. E se vuoi ricevere le migliori OFFERTE di VIAGGIO selezionate per te clicca qui e segui […]

, , ,

Pad Thai
Pad Thai – Foto di Andrea

Ciao!

Sono nuovo in questo sito ma credo di poterti accompagnare di tanto in tanto a spasso per la Thailandia, perlomeno in modo virtuale.

Viaggiare per me non significa semplicemente spostarmi fisicamente da un punto all’altro ma rappresenta l’unico modo che ho per saziare la mia costante curiosità e la voglia di incontrare persone nuove e culture diverse.

Viaggiare è dare libero sfogo anche a un’altra mia grande passione: mangiare.

3 anni fa ho iniziato un viaggio che non si è ancora concluso e che mi ha portato a vivere un’esperienza bellissima in questo paese e pochi giorni fa ho avuto il piacere di incontrare proprio qui Cristiano che, se leggi “Viaggio Vero”, di sicuro conosci.
Ci siamo incontrati a cena da bravi italiani, per parlare dell’azienda di prenotazioni alberghiere per cui lavoro, in un tranquillo locale di Bangkok frequentato solo da tailandesi e dove la cucina è vera, autentica e non rielaborata per i turisti.

Ma allora perché non servono il Pad Thai, il piatto nazionale tailandese?

Questa stessa domanda l’ho posta poco dopo il mio arrivo qui ad un caro amico tailandese.

Eravamo in un ristorante sulle rive del fiume Ping, a Chiang Mai.

Anche lì niente Pad Thai!

La spiegazione è iniziata con una premessa: se nel mondo l’Italia è culinariamente conosciuta per la pizza e gli spaghetti, gli Stati Uniti per gli hamburger, la Spagna dalla paella e così via, la Thailandia, fino al secondo dopoguerra, non aveva un vero e proprio piatto nazionale che la rappresentasse.

Nel nostro paese sono tuttora pochi gli italiani che possono nominare almeno un piatto della raffinata ed elaborata cucina tailandese e ancora meno i ristoranti dove degustarla (a Roma ti consiglio di provare il Thai Malay in Via F. Ozanam o il 2 Mondi a Trastevere).

Avere un piatto nazionale era nel periodo di insediamento dell’attuale sovrano tailandese un’esigenza politico/nazionalistica!

Il Pad Thai, che letteralmente significa “soffritto tailandese”, è un ottimo modo per avvicinarsi alla cucina tailandese senza perdere l’uso delle papille gustative per l’eccesso di peperoncino o senza restare delusi per il gusto forte del coriandolo, presente in quasi tutte le pietanze.

Il Pad Thai è una ricetta dalle antiche origini cinesi-vietnamite, rivisitata in chiave moderna per volere del Re.

Intorno agli anni ‘40, l’allora primo ministro Luang Phibunsongkhram indisse dietro richiesta del Re un concorso fra i più importanti e rinomati cuochi tailandesi dell’epoca affinché creassero un piatto che potesse identificare la Thailandia nel mondo e, allo stesso tempo, si diffondesse in tutta la nazione, creando così unità fra le diverse etnie.

Il risultato fu la creazione di numerosi piatti che passarono per la tavola reale per essere giudicati.

Alla fine, il giovane sovrano che, nato negli Stati Uniti e cresciuto in Svizzera, optò per dichiarare piatto nazionale qualcosa che fosse a base di riso (alla base della dieta dei tailandesi ma in forma diversa da quella che nell’immaginario comune si associa a Cina e Giappone), fosse completo (pasta, carne, pesce e verdure nella stessa pietanza), avesse ingredienti facilmente reperibili in tutto il paese e fosse, in qualche modo, internazionale.

Ti aggiungo anche la ricetta, di facile realizzazione e molto gustosa.

Buon Appetito!

Andrea e il Pad Thai
Pad Thai – Foto di Andrea

INGREDIENTI:

Spaghetti/Tagliatelle di riso
Gamberetti+pollo o maiale o manzo tagliato in piccole striscioline
1 uovo
Tofu tagliato a cubetti
1 spicchio d’aglio tritato (da utilizzare con tanto di buccia)
Tamarindo in pasta
Germogli di soia freschi
Cavolo tagliato in piccolo pezzi
1/2 Cipolla tritata
Porro tagliato per la lunghezza in 4-6 parti
Olio di palma o semi
“Acqua” di pesce “nam pla”
Zucchero
Arachidi tostate non salate sbriciolate
Peperoncino in polvere

Cuoci i “noodle” di riso in acqua tiepida per circa 10 minuti (tempo sufficiente perché diventi morbida) e scolali adeguatamente.

Soffriggi l’aglio schiacciato con la buccia e la cipolla tagliata molto sottile con l’olio di palma in una wok larga, aggiungi i gamberetti, il cavolo ed il tofu ed infine l’uovo.

Subito dopo aggiungi la pasta di riso e mescola a fuoco alto in modo continuo.

Aggiungi l’acqua di pesce per rendere “salato” il piatto (quindi a seconda del gusto personale), la punta di un cucchiaino di zucchero e 1 cucchiaio di pasta di tamarindo.

Mescola fino a quando la pasta di tamarindo non si amalgama sciogliendosi.

Servi caldo mettendo la pasta al centro del piatto con una spolverata di arachidi sopra e accanto porri, germogli di soia, peperoncino, zucchero e le arachidi in piccoli mucchietti.

Si può servire anche con 1/4 di lime adagiato sopra che, a seconda dei gusti, può essere spremuto sulla pasta ancora calda.

Andrea

Questi altri articoli possono interessarti?

La Bangkok della seta: Jim Thompson, fra mito e leggenda
Jim Thompson House - Foto di Andrea Quando si passeggia a Bangkok, o in una qualsiasi altra cittadina della Thailandia, si resta sorpresi dal numero di sartorie e negozi di stoffe presenti nelle ...
Qui Toscana: 3 Hotel e 2 Trattorie provati e consigliati
Qualche hotel e ristoranti provati in Toscana… ecco le recensioni!
Un weekend in Trentino, tra le colline di Trento e la Val di Non, a visitar produttori e realta' del...
Il Trentino Alto Adige non e' una ragione statica, anzi, negli ultimi decenni ha saputo reinventarsi, sfruttando al meglio il proprio patrimonio naturale e culturale, riuscendo a diventare una regione...
Mangiare a Brescia: tra il Pirlo, la sua storia e qualche consiglio
La storia e l’origine del Pirlo, aperitivo bresciano per eccellenza. Ma anche qualche consiglio sul dove berlo e dove mangiare nella cittadina lombarda.
  • Claudio

    Un po’ di errori storici. Nei primi anni 40 il Re era Rama VIII Ananda Mahidol e non l’appena defunto Bhumibol. Rama VIII aveva 15 anni nel 1940, era nato in Germania e viveva in Svizzera, il potere era concentrato nelle mani del dittatore Phibul . Nel 1938 a 13 anni fece una visita in Thailandia, ma tornò in Svizzera. Fu assassinato nel Palazzo Reale di Bangkok nel 1946, furono giustiziati due poveracci che non c’entravano niente e il sospetto era che l’omicidio fu ordinato dal dittatore dell’epoca per mano di un sicario giapponese, che pensava di trovare nel fratello Bhumibol un sovrano più manovrabile.
    Si sbagliava.
    E’ comunque universalmente riconosciuto che il pad thai fu creato sotto la spinta di Phibul per motivi nazionalistici, per fermare il crescente dominio gastronomico degli immigrati dalla Cina. Si dice però che fu la moglie a creare il piatto, ma qui entriamo nella leggenda.

  • viaggiovero

    Buongiorno Claudio, ti ringraziamo per i tuoi appunti e la tua precisione 😀

  • Grazie 🙂 utilissime precisazioni