IN PRIMO PIANO

Croazia: Benvenuti a Spalato! Cosa vedere in città e nei dintorni

È la meta ideale per soggiorni di mare e di cultura, da scegliere nei diversi periodi dell’anno, per godere di spiagge e acque cristalline, oppure scoprire uno dei patrimoni culturali più interessanti e preziosi del nostro tempo. Cosa vedere e dove mangiare ma anche un paio di idee per i dintorni.

, , , , , ,
Spalato

Spalato – Foto di Mauro Tuninetti

Affacciata sulla costa adriatica del Mar Mediterraneo, Spalato è una città dalle origini antichissime, caratterizzata da una parte moderna, in cui spiccano il porto e la zona industriale circostante, e la parte antica che coincide con il suo centro storico.

È la meta ideale per soggiorni di mare e di cultura, da scegliere nei diversi periodi dell’anno, per godere di spiagge e acque cristalline, oppure scoprire uno dei patrimoni culturali più interessanti e preziosi del nostro tempo. L’atmosfera che qui si respira unisce l’attaccamento al mare, al commercio e ai mercati, frutto di attività fiorenti che hanno in Spalato uno dei centri più importanti della Dalmazia, con la tradizione antica che è evidente in ogni angolo del centro.

È suggestivo trovarsi ogni mattina alla pescheria all’aperto lungo la strada pedonale più frequentata della città (Marmontova ulica) o percorrere la Riva, il grande viale che costeggia il lungomare fino al porto, meta classica di ogni visitatore.

È frizzante, suggestiva e affollatissima, orlata da grandi palme e disseminata di caffè e di locali che attirano soprattutto i turisti.

Ma il cuore pulsante della città è il centro storico che trova nel Palazzo di Diocleziano, la sua più grande espressione.

Cosa vedere

1. Il Palazzo di Diocleziano è il punto di partenza principale da cui partire per visitare la parte antica di Spalato. Diocleziano, nato probabilmente a Salona, divenne imperatore nel 284 e si ritirò a vita privata qui, trasferendosi nel palazzo che aveva fatto costruire, tutto in marmo e pietra calcarea, dagli architetti Filotas e Zotikos, affacciato sulla baia di Spalato, tra il 295 e il 305 d.C.
Dopo la morte di Diocleziano venne usato sia come sede amministrativa, sia come residenza del governatore. Il palazzo a base quadrata aveva negli angoli 4 torri e altrettante scandivano i lati nord, est e sud, mentre quello rivolto sul mare era percorso, al piano superiore, da una loggia a 42 arcate da cui, ancora oggi, la visuale è davvero stupenda!
È stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1979 e da qui è possibile ammirare una serie di edifici dall’architettura ricercata che sono l’anima del quartiere antico di Spalato.

2. La cattedrale di San Doimo era stata concepita inizialmente come mausoleo di Diocleaziano e consacrata nel VII sec., accogliendo le spoglie del santo, martirizzato nel III sec e divenuto in seguito patrono della città.
È a pianta ottagonale, presenta pregevoli colonne corinzie, nicchie, arcate e un particolarissimo portale d’ingresso con battenti lignei del 1214 che raccontano, all’interno di cornici floreali, alcune scene evangeliche. A pochi passi da questo edificio si trova il Tempio di Giove, nato inizialmente per i sacrifici e poi trasformato nel Battistero di San Giovanni, consacrato nel VI secolo, con all’interno, oltre al fonte battesimale, la statua di San Giovanni sulla parete di fondo.

La Cattedrale di Spalato

La Cattedrale di Spalato – Foto di Mauro Tuninetti

3. Il peristilio è il suggestivo e frequentatissimo cortile interno del grande complesso architettonico romano. Ora è stato trasformato nel “salotto” della città con locali che si affacciano sulla fila di colonne che lo delimitano. Ottima come sosta per scattare qualche foto, in occasione soprattutto delle rappresentazioni storiche con i figuranti che si svolgono di solito tutti i giorni alle 12.

Il peristilio

Il peristilio – Foto di Mauro Tuninetti

4. Sotterranei. Il Palazzo di Diocleziano si erge sopra enormi blocchi di pietra, che dal 1956 sono stati recuperati e ripuliti e sono da ammirare per scoprire l’opera di ingegneria altamente sofisticata del tempo. Alcuni di questi passaggi sono oggi sede di mostre artistiche.

5. Il Muzej grada Splita (Città Museo di Spalato) è il museo, situato in Papaliceva 1, che celebra al meglio la storia della città di Spalato attraverso i secoli. Libri, quadri, oggetti d’epoca sono conservati in una casa edificata in stile rinascimentale, progettata nel 1450 da Giorgio Orsini e oggi sede del museo.

Dove mangiare

La cucina dalmata rispecchia la tradizione antica e la storia che ne ha contraddistinto gli eventi e il susseguirsi di diverse dominazioni, veneta, francese e asburgica tra tutte. Il pesce è sicuramente la portata più richiesta che ben si presa ad essere cucinata in vari modi, anche se di solito lo si preferisce grigliato. Non mancano però, piatti di carne (manzo, agnello e pollo), calamari, insalate e il brujet (brodetto di pesce) di solito accompagnato da polenta.

Tra le diverse “konobe” presenti in città, molto simili alle nostre “osterie/trattorie”, la Konoba Varos (Ban Mladenova 9) e la Konoba Fife, vicino al lungomare (Trumbideva obala 11) spiccano per la preparazione di piatti locali a base di carne o di pesce, in un’atmosfera molto rustica e informale e dai prezzi contenuti.

Dintorni

A sud-est di Spalato è situata Almissa (Omis) una deliziosa cittadina che sorge nel punto in cui il fiume Cetina sfocia nel Mare Adriatico. Questa località è famosa per il suo meraviglioso canyon proprio sopra il fiume, ottima location per praticare diversi sport (rafting, arrampicata) in un contesto paesaggistico naturale di grande bellezza. Nel periodo estivo, inoltre, è piacevolissimo organizzare un tour in barca, dalla durata anche di un giorno, attraverso la scoperta delle isole dell’arcipelago spalatino (Brac e Hvar su tutte).

Il fascino di Spalato è decisamente discreto, ma il suo ricordo resta impresso con stupore nel cuore di chi giunge qui…

Articolo di
ValMa (Valeria Copperi)

Questi altri articoli possono interessarti?

La mia Crociera, Informazioni Pratiche - Parte Seconda
In questo articolo ti descriverò le tappe della mia crociera, descrivendoti un po' i luoghi, come effettuare le visite e organizzarti per il fai da te. Per tutte le informazioni pratiche sulla ...
Isole Ionie: Corfu’, Informazioni pratiche e visita della città - Prima parte
Corfu' Fortezza - Foto di Mauro Tuninetti La Grecia e le sue meravigliose, pittoresche e coinvolgenti isole, sono per me un sogno, per cui non poteva mancare un riferimento che comprendesse, in m...
Invasioni Digitali, come valorizzare il patrimonio culturale italiano
Parliamoci chiaro: il nostro patrimonio culturale non ha eguali e noi non lo sappiamo valorizzare al meglio! Triste realtà. Ed ecco perchè bisogna sostenere il progetto delle Invasioni Digitali dal 20...
Mozambico da scoprire, un viaggio tra le sue risorse naturali
Una terra ancora vergine quella del Mozambico. Le sue risorse naturali, in termini di flora, fauna e ambienti, infatti, stanno facendo diventare il Mozambico una meta emergente nel panorama delle rott...