IN PRIMO PIANO

Viaggio in Iran tra cultura e deserto nell’antica Persia

A Capodanno un viaggio di gruppo con Cristiano, alla scoperta dell’Iran, un paese magico, l’Antica Persia, tra storia, la capitale e il grande deserto. Vieni con me?

, , , , , , ,
La Moschea di Esfahan

La Moschea di Esfahan

Un viaggio in Iran, nel periodo di Capodanno, con il sottoscritto come accompagnatore.

Vieni con me?

Prima di presentare il viaggio ci tengo a sottolineare due aspetti importanti: iranviaggiovero

– avremo alle spalle un tour operator serio e un programma studiato nei minimi particolari da Four Seasons Natura e Cultura, una delle realtà più attente al “viaggiare lentamente”.

– ci sarò io come accompagnatore e sono abilitato al ruolo e regolarmente iscritto negli albi italiani degli accompagnatori turistici. Mi preme farlo notare perché si trovano in giro viaggi di gruppo in cui si viene accompagnati da persone non abilitate e non preparate nel farlo, con tutti i rischi che ne possono conseguire.

Torniamo alla meta, splendida: Iran, l’antica Persia con le sue città magiche e il suo deserto.

Quando andremo?

Si parte dopo le abbuffate natalizie, il 27 dicembre, e ritorniamo il 6 gennaio, in pratica un viaggio da 11 giorni (10 notti).

L’itinerario che mi hanno proposto mi è piaciuto da subito, coniuga la voglia di modernità dell’Iran, con la visita alla capitale Teheran, per poi passare alla cultura e alla storia nelle città di Persepoli, Kerman, Shiraz, Esfahan.

Un paese, l’Iran, in cui si passa dalle alte vette al deserto, quello vero.

Per tutte le informazioni, i costi e il programma dettagliato vai a questa pagina:

=> Viaggio in Iran Capodanno (con Cristiano di ViaggioVero.com)

In quanti saremo?

Il viaggio di gruppo parte con un minimo di 6 partecipanti e saremo al massimo in 15 in modo da poterci muovere in modo snello e soprattutto condividere appieno l’esperienza. Insomma… i viaggi che piacciono a me.

Inoltre avrai la pensione completa, tutti i pasti inclusi!

Cosa visiteremo e dove andremo?

Il programma dettagliato lo trovi nella pagina del viaggio in Iran, sul sito Four Seasons Natura e Cultura, qui ti faccio un riassunto che ti possa invogliare.

Atterreremo a Teheran e dopo la notte di riposo visiteremo il Museo Nazionale, il Palazzo Golestan (Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco), il complesso di Sa’d Abad, la residenza estiva dello scià, passeremo alla Torre di Milad, la sesta torre più alta del mondo e imperdibile il Museo dei Tappeti, con una collezione impressionante di tappeti persiani. Rimarrà tempo per scegliere qualcos’altro da vedere e lo vedremo una volta sul posto.

Il Palazzo Golestan a Teheran

Il Palazzo Golestan a Teheran

Da Teheran voleremo su Kermat, importante città di scambio merci già nel 1200 e dopo aver visitato il Ganj Alikhan con il bazar, l’hammam e la sala da the, ci sposteremo non lontano a Mahan, la città con il giardino persiano di Shazdeh e il mausoleo dello scià Ne’matollah.

Nei due giorni successivi saremo nel deserto Dasht-e Lut, a Shahdad, e alloggeremo in case tradizionali o in un camping tendato. Vedremo i famosi Kalut, le formazioni sabbiose che sembrano vasi del deserto, cammineremo tra i villaggi e aspetteremo il nuovo anno proprio in questo magico luogo.

Il deserto iraniano con i suoi kalut

Il deserto iraniano con i suoi kalut

Ci sposteremo poi nella Valle di Rageh con il lago di Mokharageh Shahr-e Babak. Dopo aver ammirato questo spettacolo della natura andremo a Shahr-e Babak, città fondata 1800 anni fa. Da qui arriveremo a Shiraz, base di partenza il giorno dopo per la visita a Persepoli, uno dei pezzi forti di questo viaggio in Iran. Ma non dimenticheremo la visita di Shiraz, nostro punto d’appoggio; viene chiamata in tanti modi da “città del sapere” a “città delle rose” oppure “città dell’amore” e infine “città dei giardini”.

Un dettaglio della splendida Persepoli

Un dettaglio della splendida Persepoli

Verificheremo quali di questi appellativi è più adatto.

Con alcune tappe importanti come la tomba di Ciro il Grande, arriveremo a Esfahan (o Isfahan), denominata “la metà del mondo” per le sue bellezze. È infatti considerata una delle città più belle dell’Iran (se non la più bella in assoluto). Visiteremo al meglio questa città, le sue piazze, le sue moschee dai mille colori, i suoi palazzi storici e il grande bazar.

Esfahan, “la metà del mondo”

Esfahan, “la metà del mondo”

Rientreremo poi verso Teheran fermandoci all’oasi di Kashan famosa per le ceramiche, i tessuti e i profumi.

Una sorta di anello allargato e completo che mischia escursioni naturali con facili trekking nel deserto a visite di grandi città e monumenti con una storia millenaria.

Ripeto, per tutte le informazioni, i costi e il programma dettagliato vai a questa pagina:

=> Viaggio in Iran Capodanno (con Cristiano di ViaggioVero.com)

Cosa ti prometto io?

– un viaggio di scoperta e con tante esperienze che ti arricchiranno
– un viaggio di condivisione, io sarò sempre presente e sarò un viaggiatore come te
– ci troveremo online prima del viaggio, parleremo dell’itinerario e potrai farmi tutte le domande che vuoi

Allora, vieni con me?

Ecco tutti i contatti per dubbi e domande, Four Seasons Natura e Cultura ha due sedi, a Milano e Roma :

SEDE DI ROMA:
Via Guglielmo degli Ubertini 44
Tel. (+39) 0627800984
Mail: infoviaggi @ fsnc.it

SEDE DI MILANO:
Cascina Cuccagna – via Cuccagna 2/4
Tel. (+39) 0270634800 – oppure: 3248486608
Mail: segreteria.milano @ fsnc.it

Un saluto,
Cristiano

Questi altri articoli possono interessarti?

Tunisia del Sud, calde atmosfere dorate
Foto di Mauro Tuninetti Gabes è un incantevole golfo che offre il nome alla baia che lo circonda. E’ raggiungibile in volo sia da Djerba, sia da Sfax, con una vastità di vettori che fanno la s...
Sahara Occidentale, il territorio conteso
Foto di Simona Marsella, dromedario al pascolo Lasciata Agadir continuiamo a scendere verso sud macinando velocemente chilometri. Si presenta ai nostri occhi un paesaggio decisamente più dese...
La classifica di 140 paesi nel mondo piu' o meno cordiali verso i turisti
  Mi è capitato di leggere qualche tempo fa un articolo del Washington Post in cui veniva presentata una mappa colorata del World Economic Forum, per presentare i paesi nel mondo che r...
Namibia e deserto ovvero Namib Desert Park
In Namibia deserto vuol dire Namib Desert Park, che racchiude la parte più facilmente accessibile e visitata: il Namib-Naukluft Park. Ripetendo il concetto che la Namibia è una delle terre più aride a...